Se vuoi AVVIARE un business, sfruttando come sistema di distribuzione il Network Marketing, prima di pensare al settore da scegliere, devi conoscere anche tu cosa è una Membership.

Devi fare in modo che, il tuo prodotto o servizio, consenta ai tuoi distributori di rigenerare mensilmente i propri guadagni senza necessariamente sforzarsi di acquisire un nuovo cliente. Ti voglio fare un semplice esempio, prendiamo il settore automobilistico;

Un’azienda che ha come obiettivo la vendita di automobili, offrirà delle royalty ai suoi distributori ogni qualvolta venderanno un auto. Secondo te, quali sono i tassi di conversione sulla vendita diretta di un auto NUOVA?

Sicuramente molto bassi, in più se pensi al fatto che il profitto si esaurisce con quella vendita, l’idea di costruirsi una rendita passiva per chi sposa il tuo progetto, va a farsi benedire.

Quindi il settore automobilistico non è adatto al Network Marketing? Niente affatto. Immaginiamo che l’obiettivo non sia quello di vendere automobili ma di noleggiarle a lungo termine.

Che cosa è cambiato? Che i distributori OGNI MESE pagheranno un abbonamento per poter usufruire delle automobili e di tutti i servizi ad essa associati e riceveranno un cashflow passivo, dai loro sponsorizzati, con cadenza mensile per l’intera durata del contratto.

Un buon Network Marketing pertanto, si può cominciare in svariati settori, anche in quelli più bizzarri, purché il prodotto o servizio offerto garantisca ai distributori un cashflow passivo mensile su ogni cliente/distributore già acquisito!

La VERA Rendita Passiva con le Membership!

Le aziende che vogliono prosperare in questo mercato devono perciò cominciare a sviluppare delle forme di abbonamento o di Membership. Un modello di business diventa tanto più redditizio quanto più i flussi di cassa che genera sono RICORRENTI.

Le aziende di Network Marketing, visto il loro modello di business, hanno ancora più necessità di creare entrate automatiche per sé e per i propri distributori. Per farlo, possono creare un business RICORRENTE usando 2 strategie:

(1) Vendendo un PRODOTTO DI LARGO CONSUMO;

(2) Offrendo una formula di abbonamento o di MEMBERSHIP.

Oggi gran parte delle aziende possiede un prodotto di largo consumo, ma nessuna ancora sta sfruttando seriamente i benefici derivanti dall’abbonamento.

Le poche aziende che hanno provato ad entrare nell’Asset delle Membership, lo hanno fatto dalla porta sbagliata. Hanno commesso l’errore fatale di legare la formula dell’abbonamento all’autoship automatico, soffocandone così l’enorme potenziale.

Che cos’è l’autoship automatico?

In pratica tu puoi scegliere un prodotto dal catalogo della tua azienda e fartelo spedire ogni mese senza dover ripetere l’ordine. A quel punto ti vengono detratti in automatico i soldi dalla carta di credito o dalla prepagata. Riflettici.

Perché i tuoi clienti dovrebbero acquistare tutti i mesi lo stesso prodotto in maniera automatica? Tu lo faresti? Stesso piatto di pasta tutti i giorni, tutte le settimane, tutti i mesi, a colazione, a pranzo, a cena… NO GRAZIE!

Facciamo un esempio preso a caso dal mondo dello Skincare. Immagina che un cliente voglia curare la propria pelle da UNA MACCHIA.

Ci sta che per due o tre mesi il cliente possa ordinare lo stesso prodotto in quanto per CURARE DEFINITIVAMENTE un problema del genere c’è bisogno di più tempo.

Ma da qui a tenere un ordine automatico attivo tutto l’anno per mantenere stabilità dei fatturati ce ne passa un treno!

Un nettuoccher passando di qua, e leggendo questo articolo potrebbe commentare: “ma il mio succhino al cetriolo medicale è differenDe! E’ un inteCratore… lo puoi usare tutti i giorni per mantenerti in buona salute”.

In realtà, l’esempio che ho fatto qualche rigo fa VALE SEMPRE, soprattutto in questo caso.

Infatti se prendi lo stesso integratore, tutti i giorni, tutti i mesi, tutto l’anno, il tuo corpo si assuefà a quei principi e non li assimila più, o quanto meno hai bisogno di aumentare massicciamente le dosi.

Come si fa allora a rendere più efficiente questa strategia? Bisogna legare l’abbonamento a delle scontistiche, a delle aree riservate d’acquisto, e/o a dei bonus.

Network Marketing: il nuovo asset delle Membership!

Adesso ti spiegherò in che modo lo sviluppo dell’Asset della Membership impatterà positivamente sugli attori che recitano sul grande palcoscenico del Network Marketing.

In qualsiasi azienda di Network Marketing troviamo DUE ATTORI, il Consumatore ed il Distributore. Quale delle due figure è meglio trovarsi in struttura? Ovviamente la risposta è ENTRAMBI, e ti spiego anche il motivo.

(1) Il Cliente, -appassionato naturale del prodotto-, ti garantisce la stabilità dei fatturati con i suoi consumi.

(2) Il Distributore, qualche volta più incline a generare profitto, ti aiuta invece a scendere in profondità.

Con la formula degli abbonamenti o della Membership, il Networker potrà aumentare esponenzialmente i suoi profitti, coinvolgendo ENTRAMBI gli attori, il Cliente e gli altri Distributori come lui.

Continuando a leggere scoprirai:

(1) Perché la nascita del Membership Asset impatterà positivamente nell’Industria del Network Marketing.

(2) Come si trasformerà la professione del Networker grazie allo strumento dell’abbonamento.

(3) In che modo io stesso ho inaugurato questa rivoluzione a livello mondiale “installando” questo Asset in due compagnie di Network Marketing.

Network Marketing rivolto al Cliente

Il Cliente è la più GRANDE RISORSA a cui qualsiasi azienda può accedere. Se non ci fosse il Cliente, senza i suoi consumi, il magazzino dell’azienda rimarrebbe pieno ed il business nel Network Marketing CESSEREBBE DI ESISTERE.

L’effetto dell’abbonamento su questo attore aumenterebbe la sua FEDELTA’ AL BRAND, e all’azienda ne tornerebbero clienti fidelizzati.

Il Cliente da parte sua sarà incentivato a SPENDERE DI PIU’ e a farlo TUTTI I MESI, perché:

(a) …vorrà rendere produttiva la spesa mensile dell’abbonamento che altrimenti pagherebbe a vuoto.

(b) …vorrà sfruttare il maggiore potere d’acquisto ottenuto grazie all’abbonamento, in quanto i prezzi dei prodotti risulteranno SCONTATI.

Network Marketing rivolto al Distributore

Il Distributore-medio-italiano fa networking con lo stesso spirito di un venditore di pentole.

Il suo unico obiettivo è GUADAGNARE, e lo vorrebbe fare a scapito degli altri. Il prodotto per lui è qualcosa di marginale, “meglio se lo consumano altre persone” pensa, “a chi la vogliono dare questa ‘mmerda!”.

Finalmente, con l’abbonamento, questo attore potrà essere “incastrato” e trasformato in un CLIENTE RICORRENTE. Sì, hai capito bene, non dovrai più rincorrere le tue downlines-distributori! Sembra un’UTOPIA, vero?

Eh no, non se provi ad associare all’abbonamento UN BONUS. Uno dei sogni proibiti del Networker è proprio il fatto di avere delle downlines ATTIVE NEI CONSUMI, in quanto sono proprio i consumi ricorrenti che generano la RENDITA PASSIVA.

Quindi l’entrata ricorrente da abbonamento rappresenterebbe per i distributori l’El Dorado del Network Marketing. E’ qui che va inserita la trappola per topi. Gli dici al distributore:

“Ciccio, ti piacerebbe costruire, UNA VOLTA PER TUTTE, una rete di distribuzione che genera profitti SEMPRE e non solo a mesi alterni o in maniera infrequente?”.

Tu cosa risponderesti? Non ci metteresti la firma? Mi sembra di sentire un S-I-I-I-I-I-!-!-! bello forte da dietro lo schermo del PC.

“Bene, se vuoi guadagnare sugli abbonamenti delle tue downlines TI DEVI ABBONARE PRIMA TU! Altrimenti vieni pagato solo sul consumo del prodotto e NON sulla rendita da abbonamento!”. Una cosa del genere diventerebbe un BONUS SULL’ESEMPIO. 

Nessuna azienda di Network Marketing ci ha mai pensato. Eppure la Leadership si basa tutta sull’esempio. “Tira fuori LE PALLE almeno una volta nella tua vita e dimostra agli altri che SEI IL PRIMO a mettere in pratica i tuoi consigli”.

Per comprendere meglio come evolverà sul mercato il Network Marketing devi distaccarti dall’idea che l’azienda di Network Marketing per cui lavori sia differente da un’azienda Tradizionale.

Esistono le aziende, ecco tutto. E c’è IL Mercato che detta le Regole del Gioco.

Network Marketing: Membership e Commercio

Uno dei più grandi marketer al mondo, Jay Abraham, sostiene che esistono sostanzialmente 3 modi per far crescere un business, e questo vale sia per te come Networker sia per la tua Azienda di Network Marketing.

Analizziamoli qui sotto, così da scoprire in che modo la formula della Membership può aiutare la tua Azienda ed il tuo business a fare il Grande Salto:

(1) Aumentando il numero dei clienti

Se analizziamo le aziende di Network Marketing, per quanto riguarda questo primo punto, cioè l’acquisire clienti, non ci sono grossi problemi. La forza dirompente del PASSAPAROLA infatti si traduce in una lead generation costante ed esponenziale.

La diffidenza dei potenziali clienti viene infatti facilmente neutralizzata dalla Referral Authority, cioè dall’autorità della referenza che ci sta dando il benestare sul prodotto di una determinata Azienda.

(2) Aumentando la frequenza degli acquisti

Questo secondo punto è la grave pecca del Network Marketing, in quanto sfocia nella pratica illegale di autoshipping forzato o comunque di pratica border-line nel caso di autoshipping forzato INDOTTO, per vedersi riconosciute le proprie provvigioni.

Il cliente abbonato invece, per far fruttare i soldi spesi nell’abbonamento, tenderà ad esercitare il suo cresciuto potere di acquisto, acquistando di più SPONTANEAMENTE.

“Secondo Morningstar, l’abbonato medio di Prime attualmente spende 1.224 dollari all’anno in acquisti su Amazon, rispetto ai 505 dollari dei clienti non-Prime.” (Il Cliente Automatico – John Warrillow)

(3) Aumentando il valore medio delle transazioni

Quando il tuo cliente viene catturato dal tuo prodotto/servizio di front-end, devi avere pronto un Funnel di Vendita che ti consenta di sfilare dal suo portafoglio sempre più soldi grazie ai prodotti/servizi di back-end.

La formula della Membership con le aree riservate di acquisto per gli abbonati, fanno sì che gran parte dei tuoi abbonati acquisti prodotti a prezzo pieno nello shop riservato AUMENTANDO appunto il Valore Medio delle Transazioni.

Membership nel Network Marketing… ma non solo!

Se entri in un Apple Store e sei possessore di P.IVA ti viene proposta una formula di noleggio o leasing del prodotto Apple che intendevi acquistare. Noleggio e leasing sono forme di abbonamento.

Poi c’è Netflix, il gigante che ha affossato Blockbuster e che promuove la visione dei Film in streaming tramite formula di abbonamento.

Ed Amazon? Ti dice qualcosa Amazon Prime? Ancora una volta si tratta di una formula di abbonamento. E con gli abbonamenti c’è chi ci vende persino i pannolini ed altri prodotti/servizi in nicchie di mercato decisamente curiose ed insospettabili.

Cosa voglio dirti con questo? Osserva attentamente il Mercato e se ne intuisci la direzione in anticipo cerca sempre di precederlo. Arrivare con un giorno di ritardo in un segmento di Mercato può significare perdere irrimediabilmente l’opportunità di dominarlo.

Viviamo in una “realtà accelerata”, tutto si evolve alla velocità della luce. Non si può rimanere ciechi davanti ai repentini cambiamenti a cui abbiamo assistito in queste ultime decadi.

L’asset della Membership cambierà in maniera irreversibile il business model del Network Marketing. E’ bene che si sappia che sono stato IL PRIMO ad innestare questo asset in due compagnie di Network Marketing, l’una che si occupa di Skincare e l’altra che si occupa di Criptovalute.

Non lo faccio presente per spirito di autocompiacimento, ma affinché sia chiaro ai miei lettori che il futuro Network Marketing sta nascendo in EUROPA, e proprio IN QUESTE PAGINE.

Insomma, una nuova Era del Network Marketing è VICINA, conto sul tuo PASSAPAROLA!