Networker forse anche tu hai sentito dire dal tuo Sponsor che la salute della tua rete di distribuzione nel Network Marketing dipende dalla DUPLICAZIONE.

In natura ogni specie per sopravvivere e perpetuarsi deve moltiplicare le proprie cellule, di modo che ognuna di esse si comporti come la cellula-madre da cui ha avuto origine.

Cosa devi insegnare alle tue downlines?

Insegnare nel Network Marketing è sinonimo di DUPLICARE. Ossia ciascuna delle tue downline deve conoscere alcune REGOLE DI BASE che le consentiranno di portare avanti il proprio business autonomamente.

La duplicazione del nettuoccher itaGliano consiste nel consigliare: “fai la lista nomi, poi CHIAMI TUTTI e fissi un appuntamento!”, aggiungendo “…se però ti chiedono di cosa si tratta NON devi dirglielo”.

Ora sia chiaro, non voglio scoraggiarti, però vorrei tu capisca che FARE SPAM a qualsiasi cosa respiri attorno a te, non è proprio la stessa cosa di fare NETWORKING.

La duplicazione è un processo molto delicato, soprattutto se vuoi sfornare CAMPIONI. Si tratta di un’Arte SEMPLICE e COMPLICATA allo stesso tempo.

Da un lato è SEMPLICE perché si può sintetizzare in 7 Principi Eterni alla portata di tutti gli uomini e le donne di buona volontà.

Dall’altro lato è COMPLICATA in quanto ogni singolo Principio per essere applicato richiede una buona dose di conoscenza, di prove, di errori, di correzioni, ed una incrollabile PERSEVERANZA.

Con questo articolo ho deciso di premiare la tua ricerca. Se sei finito su queste pagine molto probabilmente hai bussato a tante porte prima di trovare una sorgente d’acqua cristallina. Per questo motivo nelle righe che seguono, ti svelerò in prima visione assoluta, il processo CHIARO e COMPLETO della duplicazione professionale.

Network Marketing La Duplicazione Prima Fase

Nella prima fase della Duplicazione devi insegnare alla tua downline come costruirsi un’IDENTITA’ ed un POSIZIONAMENTO.

(1) Costruire il tuo PERSONAL BRAND: Un Networker è un’azienda che fa promozione alla marca-se stesso. Se non costruisci un brand attorno alla tua personalità verrai percepito dal mercato come una merce indifferenziata e di poco valore.

(2) POSIZIONARE la marca-te stesso (Brand Positioning): Come ogni marca che si rispetti devi posizionarti nella mente del tuo target. Che cosa hai di diverso rispetto agli altri milioni di Networker al mondo? Qual è la tua specialità? Costruisci la tua strategia di comunicazione attorno ad un CONCETTO SOLO, senza MAI perdere il focus.

Network Marketing La Duplicazione Seconda Fase

Nella seconda fase della Duplicazione devi insegnare alla tua downline a costruire quegli strumenti che gli consentiranno di ACQUISIRE CONTATTI in risonanza con la sua IDENTITA’ ed il suo POSIZIONAMENTO. Se un contatto si avvicina a te CONSAPEVOLE della tua Identità e riconosce nel tuo Posizionamento la SOLUZIONE al suo problema, allora si definisce in TARGET.

(3) PROFILARE la lista contatti: Quando hai un’Identità ben definita ed un Messaggio chiaro, in qualche modo hai segnato un bersaglio da colpire. Le conversioni, cioè i SI che riceverai, dipendono da quanto correttamente hai profilato la Lista Nomi o Lista Contatti. Se riesci a farti ascoltare dal tuo TARGET le conversioni aumenteranno vertiginosamente.

(4) Creare una Lista Nomi da ZERO: Se vuoi mantenere in buona salute il tuo business devi poterlo alimentare con un flusso costante di nuovi clienti. La lista contatti non può limitarsi ai tuoi familiari ed ai conoscenti più prossimi, molto probabilmente fuori target. Senza quest’abilità quindi non riuscirai MAI ad espandere il tuo network, e ad avere accesso ad una lista di contatti potenzialmente INFINITA.

(5) Utilizzare sistemi di PRE-EDUCAZIONE: Assicurati di avere un sistema che ti permette di superare le obiezioni dei tuoi contatti PRIMA di incontrarli. In questo modo eviterai di parlare con contatti troppo freddi. Devi imparare a parlare SOLO a persone afflitte dal problema che tu puoi risolvere. Hai SOLO 24 ore a disposizione in un giorno, un tempo troppo breve per riuscire a parlare con chiunque ti capiti a tiro.

Network Marketing La Duplicazione Terza Fase

Nella terza fase della Duplicazione devi svelare alla tua downline la maniera in cui potrà trasformare un cliente in un distributore, o comunque a strappare ai suoi clienti altri nominativi.

(6) CREARE distributori: Uno degli errori più ricorrenti dei networkers è quello di cercare distributori, invece di educare i propri clienti, GRADUALMENTE, a diventarlo.

Un cliente è un distributore orientato al PRODOTTO GRATUITO. Il Passaparola infatti si trasforma in una professione quando quel cliente comincia ad insegnare agli altri clienti COME SI OTTIENE UN PRODOTTO GRATUITO.

Ho ricevuto spesso questa domanda: “Ricky, ho un problema, i miei distributori non consumano a loro volta il prodotto, perché?”.

Questo succede tutte le volte che dai più importanza all’attività e fai passare in secondo piano il PROBLEMA CHE IL TUO PRODOTTO RISOLVE.

Quando parti dal business, commetti un GRAVE ERRORE. Segui il mio ragionamento:

1. Offri ai tuoi contatti la possibilità di GUADAGNARE DEI SOLDI.

2. Poi però, subito dopo, pretendi che li SPENDANO acquistando dei prodotti (kit ingresso + acquisti mensili).

Nella testa di chi hai di fronte arriva così: “Ma come, vuole farmi guadagnare più soldi e poi cerca di vendermi un prodotto!? Truffah!!1!1!!!”.

La Rendita Passiva, quella stabile e duratura, nasce da un faticoso processo di educazione del cliente. E’ lui la superstar del sistema. Il distributore è un suo effetto collaterale. E’ una metamorfosi naturale che non va mai forzata, altrimenti il bruco non diventa farfalla, e si trasforma presto fatto in un aborto.

Strappare referenze SOPRATTUTTO ai clienti

Nel punto 7 stai per scoprire in che modo puoi espandere la tua rete in profondità stimolando i tuoi Clienti già acquisiti a passarti delle referenze. Questo punto diventa di vitale importanza una volta compreso che il processo di CREAZIONE DEL DISTRIBUTORE è un processo lento e delicato.

(7) SPREMERE le Referenze: I Clienti hanno bisogno di assistenza. Le tue referenze non vanno solo iscritte ma accompagnate. Quello che prometti in fase di negoziazione dovrai RISPETTARLO senza MAI tradire la parola data. Se rispetti queste Regole Auree vedrai che i tuoi Clienti già acquisiti saranno ben disposti a presentarti altre referenze, a darti i nominativi di altre persone interessanti.

Una delle malattie più insidiose di cui soffre la quasi totalità dei networkers è quella di confondere una semplice ISCRIZIONE con la SPONSORIZZAZIONE. “Ti ho iscritto. Vai con Dio”. Già perché il nettuoccher itaGliano NON vuole lavorare. Ha scelto il Network Marketing per la Rendita Passiva, quindi se per caso dovessi diventare una sua downline sappi che non dovrai disturbarlo troppo, non sia mai!

Dici la verità: quando è stata l’ultima volta che hai sentito un tuo cliente per “riattivarlo”? Quando l’ultima volta, (sempre se lo hai già fatto) in cui hai upsellato durante un suo acquisto? A quando risale l’ultima email, o messaggio inviato alla tua lista per fare nurturing?

Te lo dico io, nel 97% dei casi la risposta è: MAI! Di conseguenza se provi a chiedere ad un tuo cliente attuale di passarti una referenza ti becchi un bel vaffanculo.

Network Marketing La Duplicazione Spiegata Dai CINESI

Un giorno un imprenditore italiano andò in Cina per farsi produrre 5000 maglie UGUALI a quella che lui aveva portato loro come campione. Dopo aver concluso la trattativa, l’imprenditore tornò in Italia in attesa di ricevere il container con i 5000 capi d’abbigliamento.

Quando il container arrivò però accadde qualcosa che lasciò l’audace imprenditore senza parole. Le 5000 maglie ERANO TUTTE DANNEGGIATE! Così senza perdere ulteriore tempo, organizzò per l’indomani un viaggio in Cina, mettendo in valigia una decina di capi, ciascuno con un forellino al centro del petto.

Arrivato sul posto mostrò subito  le maglie al proprio fornitore, che stranamente si mostrava compiaciuto dal risultato. Coooosa? L’imprenditore italiano era su tutte le furie, e continuava a ripetere di avere ricevuto 5000 maglie danneggiate TUTTE da uno stesso forellino al centro del petto.

Il fornitore cinese allora si allontanò un attimo per tornare pochi minuti dopo con la maglia-campione. L’imprenditore italiano capì cosa era successo, aveva dato da copiare UNA MAGLIA BUCATA, CON UN FORELLINO AL CENTRO DEL PETTO.

La DUPLICAZIONE funziona quando tu stesso non hai dei fori sulla tua maglia. Se duplichi un sistema bucato, le tue downlines faranno lo stesso, come il fornitore cinese nella storia.